Il tuo browser non supporta JavaScript!

Yoga della Risata per parlare in pubblico

17.09.2013
 

Ho scoperto lo Yoga della Risata ad aprile 2007 e il Toastmasters, la più grande associazione no profit al mondo sul public speaking a settembre 2007.

Forse è proprio per questo motivo che ritengo entrambi due pilastri portanti della mia crescita e del mio sviluppo personale ed è anche per questo motivo che ne vedo sovrapposizioni, analogie e affinità; per la stessa ragione in tutti questi anni continuo a praticare entrambi con costanza e determinazione.

Entrambi aiutano a sviluppare le propie capacità nel parlare in pubblico, nel presentare e soprattutto sviluppano le capacità di leadership e comunicazione interpersonale.

Leggere proprio ieri l'articolo sul sito ufficiale di Madan Kataria su un'altra testimonianza del collegamento tra lo Yoga della Risata e il metodo Toastmaster è stata una ulteriore conferma della mia teoria.

Lo Yoga della risata migliora la nostra capacità di respirare, dona presenza e radicamento, la voce diventa più profonda e calda e ogni traccia di tensione svanisce in un istante.

Credo sia la tecnica più semplice eallo stesso tempo efficace per poi salire sul palco e parlare in pubblico.

Così ogni volta che "entro in scena", pochi minuti prima, mi regalo qualche risata e se non posso ridere ad alta voce, chiamo in soccorso la risata silenziosa.

Credetemi funziona, funziona sempre. Se volete aggiungete anche qualche esercizio di respirazone e andrete alla grande.

Volete sapere qual'è la bella notizia? I club Toastmasters stanno crescendo come funghi: a Milano ce ne sono due, a Roma uno, così come a Torino e Firenze.

Ne sta nascendo uno a Monza in queste settimane e probabilmente Verona e Genova saranno le prossime città.

A questo punto, una domanda mi sorge spontanea, perchè Toastmasters e Yoga della Risata non uniscono le forze e si aiutano a vicenda? 

Riusciremo a crescere ancora più velocemente tutti insieme.

Ho Ho Ha Ha Ha
Ho Ho Ha Ha Ha
autore: Davide Giansoldati
collana: Pensieri Felici
€ 14,00

Commenti dei lettori

  1. lorenzo scrive: il: 2013-11-01 18:30:46
    Perchè ogni volta che c'è qualcosa di utile ed interessante, bisogna sborsare dei soldi, acquistare qualcosa?
    Sembra (non è certamente il VS caso) che lo si faccia per soldi.
    Facciamo qualcosa veramente per gli altri.
    Diamo un ebook gratis o altro.
    E' un periodo di crisi, aiutare il prossima può fare solo del bene.
    Grazie

Articolo letto 1200 volte.

Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con un asterisco*
Captcha errato